Tra le vite di Londra

Posted by

Tra le vite di Londra

Lingua Italiana!



Tra le vite di Londra



Trama del libro

La Londra che non c’è più, la città proletaria e miserabile dei docks del Tamigi pieni di barche e affollati di scaricatori; le misere stanze sovraccariche di avventure di Poplar o della Isle of Dogs: gli orfani e i vecchi su cui incombe lo spettro degli ospizi di mendicità di dickensiana memoria, ancora, negli anni Cinquanta del Novecento; la lingua, l’orgoglio, la civiltà, forse, Cockney: vite di Londra come le ha viste e racconta la giovanissima levatrice laica andata a lavorare tra le suore di Nonnatus House.
In questo secondo, Tra le vite di Londra, dopo il primo volume Chiamate la levatrice, la memoria dell’infermiera Jenny continua a dipingere, come un pennello forte e gentile, l’affresco dell’East End londinese quand’era povero. Il tempo è quello in cui il Sistema Sanitario Nazionale muoveva i primi passi contro la grande disgregazione. Molte sono le storie e i ritratti che accendono tutta la gamma del realismo, dalla commozione alla comicità. Così nel racconto l’eroismo delle giovani operatrici si accompagna ai retroscena teneri e maliziosi delle loro vite private; il pathos della denuncia sociale non manca del colore ironico dato dalle stravaganze delle suore benigne del convento; e sempre la verve narrativa fa sentire sotto ogni parola comunque la curiosità di chi ama la vita.
Una cronaca delle giornate di una ragazza di sessant’anni fa che corre di qua e di là, per far nascere un bambino, per rifare le fasciature di un vecchio soldato, sempre entusiasta sempre accorata, e pronta a registrare ogni dato di realtà, che contiene un monito evidente: a non smantellare la rete della solidarietà sociale che noi abbiamo cominciato a costruire in quegli anni, pena chissà quale salto indietro di civiltà e umanità.